Skip to content

AUTO IN VENDITA

Fiat 500C Topolino Giardinetta - Compressore Volumetrico “Marmitte Abarth”

Caratteristiche

Anno 1952

79.700 km

569  cc

Prezzo: 24.500 €

La vettura che vi proponiamo è stata completamente restaurata direttamente dal proprietario, noto collezionista ed ex pilota. Si presenta oggi in ottime condizioni, sia a livello della carrozzeria che della meccanica. L’auto è dotata di compressore volumetrico Italmeccanica , cerchi speciali Fergat e ovviamente marmitta Abarth. Pronta da usare, disponibili per visione e prova.

La Fiat 500 nasce tra i due conflitti mondiali con l’intento di proporre una vettura economica con la quale avviare la motorizzazione del Paese. Le dimensioni contenute e la vaga somiglianza con il personaggio di Walt Disney portano a chiamarla Topolino che, pur restando un soprannome, identificherà le tre serie prodotte dal 1936 fino al dopoguerra nel 1955. All’inizio degli anni Trenta Fiat deve produrre una vettura compatta ed economica con la quale permettere la diffusione dell’automobile in Italia. Inizialmente l’idea dell’allora direttore tecnico l’ing. Antonio Fessia – che in seguito passerà alla Lancia e sarà il padre della Lancia Flavia e non solo – è di produrre una vetturetta “tutt’avanti” cioè con motore e trazione anteriore. È una architettura inusuale per l’epoca, quando il motore era sì all’avantreno, ma la trazione sempre posteriore. A malincuore Fessia deve frenare la spinta innovativa a causa di un inconveniente occorso durante il collaudo del primo prototipo, così, nel 1934, il progetto viene dallo stesso ingegnere affidato al giovane Dante Giacosa, che fino ad allora si era occupato di motori per l’aviazione.

A guidare la progettazione resta sempre il contenimento dei costi che influenza tutte le scelte tecniche del nuovo team di Giacosa: lo schema diventa tradizionale, con motore anteriore e trazione posteriore, ma qualcosa di inusuale rimane, infatti, il quattro cilindri si trova davanti all’asse anteriore ma anche al radiatore.

Con la cilindrata di 569 cc, che darà il nome ufficiale “Fiat 500”, il motore è dotato di valvole laterali che lo rendono particolarmente basso. Gli organi a contorno sono resi quanto più semplici ed economici: il radiatore, posto dietro il motore in posizione rialzata, non necessita di pompa per la circolazione dell’acqua perché si avvale del principio del termosifone che porta verso l’alto l’acqua più calda che, scendendo lungo il radiatore, si raffredda e rientra nel motore. La potenza erogata è di 13 CV che spingono i 740 kg a pieno carico fino a 85 km/h.

Il motore basso con il radiatore alle spalle offre la possibilità di dare al cofano una linea aerodinamica e affusolata, con a fianco i fari esterni che, nella fantasia di chi li vede anche dall’interno della vetturetta, ricordano le orecchie del personaggio dei fumetti Topolino: da qui il soprannome che diventerà subito popolare e identificativo della piccola auto.

Nel giugno 1936 la Fiat 500 viene ufficialmente presentata al pubblico come la “nuova piccola grande vettura del risparmio e del lavoro”, come enfaticamente la definisce il filmato dell’Istituto Luce mentre avanza sul terrazzo del Circolo della Stampa, sfoggiando la sua compattezza. Nel 1948 nasce la seconda serie che evolve nella versione quattro posti Giardiniera Belvedere fino ad abbracciare nuovi stilemi con la terza serie del 1949, in produzione fino al 1955, quando passa il testimone prima alla 600 poi affiancata dalla Nuova 500.

Dopo le infauste vicissitudini che hanno visto Torino pesantemente bombardata durante il conflitto mondiale, la produzione della Topolino supera i 120 mila esemplari: è giunto il momento per il lancio della *Fiat 500 B, che avviene al Salone di Ginevra del 1948. La carrozzeria rimane pressoché invariata, cambiano la plancia, il volante e i ganci ferma cofano, mentre la maggior parte delle novità sono nascoste: la cilindrata resta la stessa ma la nuova testata che ora contiene le valvole e il nuovo carburatore con pompa di benzina, consentono **una crescita di quasi il 30% della potenza portando la velocità massima a 95 km/h. Sono nuovi anche: l’impianto frenante, le sospensioni con ammortizzatori idraulici e l’impianto elettrico. Accanto alle versioni berlina e trasformabile, di gran lunga maggiormente preferita, nasce la “500 Giardiniera Belvedere”. Si tratta di una versione familiare, finalmente in grado di ospitare quattro persone, con carrozzeria ispirata alle station wagon americane con profilature in legno. Il portellone posteriore consente pratico accesso al vano di carico che può aumentare la capacità abbattendo lo schienale del divanetto posteriore. La produzione della Fiat 500 B termina dopo un anno e circa 21 mila esemplari assemblati: al Salone di Ginevra nel marzo 1949 fa il suo esordio la terza serie, la **Fiat 500 C, adattata alle nuove tendenze stilistiche con i fari incassati nei parafanghi, la calandra a sviluppo orizzontale mentre il cofano motore diventa un pezzo unico con apertura dall’interno. La ruota di scorta è ora custodita in un nuovo alleggiamento dedicato, accessibile dall’esterno attraverso uno sportello con serratura. Il motore evolve ancora con l’adozione della testata in alluminio ma le prestazioni restano pressoché invariate, malgrado l’aumento complessivo del peso che raggiunge gli 800 kg. Anche le dotazioni si arricchiscono, con l’introduzione dell’impianto di sbrinamento del parabrezza che si combina al *sistema di riscaldamento dell’abitacolo.Dopo oltre 376 mila esemplari termina nel 1955 la produzione della Fiat 500 C nelle differenti versioni. La Topolino, in particolare la Giardiniera Belvedere, diventa tra le protagoniste del dopoguerra: perfetta auto di famiglia per le scampagnate della domenica si trasforma in versatile furgonetta per ogni tipo di lavoro, dall’artigiano al fornaio.

Desideri Maggiori Informazioni?

lasciaci i tuoi riferimenti, ti ricontatteremo noi

Apri Chat
Hai bisogno di aiuto?
Sei interessato alla vettura? Contattaci!